• 1
  • 1
  • 1
  • 1
  • 1
  • 1
  • 1

Federalberghi Torino - Via Vincenzo Gioberti, 11 - 10128 Torino - Italy

Contatti:

Tel +39 011 5660124

Fax +39 011 5130700

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Federalberghi Informa

 

VENDITA E SOMMINISTRAZIONE DI PRODOTTI ALCOLICI – obbligo di denuncia fiscale - nota dell’Agenzia delle dogane

dogana

Con una nota del 20 settembre 2019, l’Agenzia delle dogane ha fornito alcuni chiarimenti in ordine agli esercizi di vendita e di somministrazione di prodotti alcolici e alla reintroduzione dell’obbligo di denuncia fiscale.

Il decreto legge crescita ha ripristinato l’originario campo di applicazione dell’articolo 29, comma 2, del decreto legislativo n. 504/95, reintroducendo l’obbligo di denuncia fiscale per la vendita e somministrazione di alcolici a carico degli esercizi pubblici, di quelli di intrattenimento pubblico, degli esercizi ricettivi e dei rifugi alpini, obbligo che era stato soppresso dalla legge per il mercato e la concorrenza n. 124 del 2017 in un'ottica di semplificazione (v. ns. circolari Prot. n. FedTo146Dir.19 e Prot. n. FedTo152Dir.19).

Al riguardo, l’Agenzia delle dogane ha chiarito che le attività avviate dal 29 agosto 2017 al 29 giugno 2019, nel periodo in cui l’obbligo di denuncia non sussisteva, procederanno a consolidare la loro posizione presentando all’Ufficio delle dogane territorialmente competente, entro il 31 dicembre 2019, la denuncia di attivazione di esercizio di vendita o somministrazione per quanto attiene alla disciplina dell’accisa; ciò in considerazione dell’avvenuta conclusione del procedimento amministrativo instaurato tramite lo Sportello unico (SUAP) per l’avvio dell’attività di vendita al minuto o di somministrazione di alcolici. Sul sito dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli (www.adm.gov.it - Dogane - In un click – Accise – Modulistica) è reperibile un modello di denuncia di avvenuta attivazione predisposto per il caso di specie (v. all.to 1).

Per le attività avviate dal 30 giugno 2019, la comunicazione da presentare allo Sportello unico all’avvio della vendita al minuto o della somministrazione di alcolici vale quale denuncia all’Agenzia delle dogane. Ne consegue che, qualora l’interessato si avvalga del modulo procedimentale incardinato presso l’autorità comunale non occorre presentare la denuncia all’Agenzia, sempreché la comunicazione sia stata trasmessa all’Ufficio delle dogane territorialmente competente.

L’Agenzia delle dogane, confermando la nostra interpretazione, ha precisato che gli operatori in possesso della licenza fiscale ai sensi del decreto legislativo n. 504/1995 non sono tenuti ad alcun ulteriore adempimento, in forza della piena efficacia della licenza in precedenza rilasciata, salvo il caso in cui siano intervenute variazioni nei dati a suo tempo comunicati.

Fonte: circolare Prot. n. FedTo184Dir.19

COMUNICAZIONE DELLE GENERALITA' DEI CLIENTI ALLOGGIATI - Soggiorni inferiori a 24 ore – Chiarimenti ministeriali

schede alloggiati

Nella Gazzetta Ufficiale del 9 agosto 2019 n. 186 è stata pubblicata la legge 8 agosto 2019 n. 77, di conversione del decreto-legge 14 giugno 2019 n. 53, cosiddetto decreto "sicurezza bis" (v. ns. circolari Prot. n. FedTo154Dir.19 e Prot. n. FedTo164Dir.19).

Al riguardo, si ribadisce che la disposizione contenuta nell’articolo 5, comma 1, in base alla quale, per i clienti che soggiornano per non più di 24 ore, la comunicazione delle generalità delle persone alloggiate alla questura deve avvenire entro 6 ore dall’arrivo, sarà obbligatoria solo dopo 90 giorni dalla pubblicazione del decreto attuativo.

Fino a tale data, la legge (articolo 109 Tulps, come modificato dalla legge di conversione del decreto sicurezza bis) consente di effettuare la comunicazione in tutti i casi, anche in caso di soggiorni inferiori a 24 ore, entro 24 ore dall’arrivo.

Il Ministero dell'Interno, in una circolare dello scorso 14 agosto, ha confermato l’inapplicabilità della disposizione contenuta nel decreto ministeriale 7 gennaio 2013, attuativo delle disposizioni di cui all’articolo 109 TULPS, che stabilisce che, nel caso di soggiorni inferiori a 24 ore, la comunicazione attraverso il “portale alloggiati” debba essere effettuata “all’arrivo”. Trattandosi infatti di un obbligo non previsto da norma primaria, i giudici penali ritengono tale disposizione non sanzionabile.

Pertanto, il Ministero conferma che, nelle more dell'emanazione del nuovo decreto attuativo, la comunicazione potrà essere effettuata in tutti i casi entro 24 ore dall'arrivo, anche nel caso di soggiorni inferiori a 24 ore.

Fonte: circolare Prot. n. FedTo178Dir.19

NUOVO IMAIE - pagamento dei compensi 2018

imaie

Entro il 31 ottobre 2019 dovrà essere effettuato il pagamento dei compensi per l’anno 2018 di spettanza di Nuovo Imaie (compenso per gli artisti interpreti esecutori di opere cinematografiche e assimilate trasmesse nelle strutture ricettive).

I compensi subiscono un leggero aumento dovuto all’incremento dell’indice Istat.

L’accordo con Nuovo Imaie prevede il pagamento di un compenso annuale determinato sulla base dei seguenti parametri:
-dimensione della struttura ricettiva (n. di camere);
-classificazione (n. di stelle);
-rappresentatività di Nuovo Imaie (per l’anno di riferimento il 90,64%);
-durata del periodo di apertura (con una riduzione che, a seconda dei casi, può essere del 25%, 50% o 75%);
-rapporto associativo (per i soci Federalberghi è previsto un ulteriore sconto del 15% nonché l’esenzione dal pagamento dei diritti di segreteria).

In caso di pagamento oltre il termine del 31 ottobre, l’azienda associata perde il diritto allo sconto del 15%.

Fonte: circolare Prot. n. FedTo182Dir.19

COMUNICAZIONE DELLE GENERALITÀ DEI CLIENTI ALLOGGIATI - CONVERSIONE IN LEGGE'

ConversioneInLegge Icona

Comunicazione delle generalità dei clienti alloggiati - conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 14 giugno 2019, n. 53, recante disposizioni urgenti in materia di ordine e sicurezza pubblica (Atto Senato n. 1437)

Il decreto-legge 14 giugno 2019 n. 53 (cosiddetto decreto "sicurezza bis"), contenente la disposizione inerente i termini per la comunicazione delle generalità dei clienti alloggiati all'autorità di pubblica sicurezza, è stato definitivamente approvato dal Senato, nel medesimo testo già approvato dalla Camera dei Deputati (v. ns. circolare Prot. n. FedTo154Dir.19). Il provvedimento verrà ora inviato alla Gazzetta Ufficiale per la pubblicazione.
Le disposizioni concernenti i termini per la comunicazione delle generalità dei clienti alloggiati sono contenute nell’articolo 5, comma 1, in base al quale:

per i soggiorni non superiori alle ventiquattro ore la comunicazione, da parte dei gestori di strutture ricettive alla questura territorialmente competente, delle generalità delle persone alloggiate, deve avvenire entro sei ore, anziché nell’immediatezza, come previsto dal decreto prima delle modifiche parlamentari.

Fonte: Circolare Prot. n. FedTo164Dir.19